Associazione Cinofila Le Impronte

Molto più di un amico a quattro zampe

Prendere un cane, cucciolo o adulto, è una scelta importante di cui si deve essere pienamente consapevoli. Se voi ci state pensando e volete un aiuto per decidere nel modo migliore, sia per voi e la vostra famiglia sia per il nuovo amico a quattro zampe che potrebbe arrivare, potrete trovare utili consigli rivolgendovi all’Associazione Cinofila Le Impronte, attiva dal 2008 nel territorio aretino. La consulenza gratuita alle famiglie che stanno proprio pensando di far entrare un “peloso” in casa è una delle attività che l’associazione propone, un’attività che Elisa Mengozzi (istruttore ed educatore cinofilo; operatore e formatore di cani per Pet Therapy) e Francesca Marraghini (diplomata a pieni voti, con lode, come Terapeuta del Comportamento presso l’Associazione Nazionale Cani e Cultura), laureande presso l’Università di Pisa in Tecniche di Allevamento ed Educazione Cinofila, considerano fondamentale.
Nel tempo che abbiamo trascorso con loro, passeggiando nella ombreggiata e ampia area dove svolgono le diverse attività, abbiamo potuto imparare molte cose su questo importante e delicato momento che precede l’arrivo di un cane in famiglia. Si devono infatti valutare tante cose e sfatare tante convinzioni errate. È importante sapere che un cane ha un costo, che ha bisogno di essere nutrito e curato; ma soprattutto che un cane ha bisogno di tempo, di attenzioni, di spazi della giornata dedicati a lui. E allora non basta avere un giardino, un grande spazio esterno, se poi il cane viene lasciato per molte ore, o giorni, da solo. Un giardino è un aiuto e una comodità, ma deve essere usato con moderazione, in particolare i cuccioli non dovrebbero mai stare da soli all’aperto perché può essere pericoloso, possono farsi male e imparare tanti comportamenti sbagliati. La casa deve essere aperta e i cani è meglio che trascorrano la notte in casa, anche per essere tutelati da pericoli che si potrebbero manifestare (polpette avvelenate o altro); i cani devono vivere la casa con i proprietari come con loro vivono il giardino o gli spazi esterni.
Importante quindi per le famiglie prepararsi, ma l’esperienza dell’Associazione Le Impronte dimostra che anche per i cani è importante farlo; infatti durante un progetto pilota svolto in collaborazione con l’ENPA e i volontari del canile del Casentino sono stati scelti ed educati i cani presenti nella struttura da più tempo e alla fine del percorso tutti hanno trovato casa.

Associazione_Cinofila_Le_Impronte_WEARE

L’Associazione può fornire il suo supporto anche nel caso siano necessari interventi di rieducazione, nel caso difficoltà minime che comunque creano problemi all’interno della vita quotidiana del cane, o in presenza di problemi molto più importanti dovuti a comportamenti nei confronti di persone o altri cani, oppure a paure che sono quelle più diffuse. In questi specifici interventi risulta importante anche la rete di professionisti a cui è possibile fare riferimento e che permette di affrontare casi più complicati e complessi.
I progetti di Pet Therapy, realizzati nelle scuole, nei centri per tossicodipendenti e nelle case di riposo; sono un altro campo di intervento in cui l’Associazione è in grado di mettere a disposizione le proprie professionalità.
Molti hanno già avuto la possibilità di incontrare Elisa, Francesca e l’Associazione Le Impronte per avere un consiglio, per superare una difficoltà, per vivere al meglio il rapporto con il proprio cane. Se anche voi volete scoprire le tante sorprese e soddisfazioni che può dare un amico a quattro zampe… seguite Le Impronte!

Associazione Cinofila Le Impronte
Località Marcena
Di Mauro Meschini

MAURO MESCHINI

50 anni a sognare la Rivoluzione e senza la minima intenzione di svegliarmi.
Se mi trovo ad un incrocio svolto sicuramente a Sinistra, se devo scegliere un colore mi prendo tutto l’Arcobaleno.
Non sopporto chi alza muri tra sé e il mondo e chi maltratta gli animali.
Sono affascinato dall’atmosfera di un bosco in autunno.
Ciliegina sulla torta: le “mie donne” a casa mi vogliono ancora.