Da 6 a 98 anni!

Sei un* appassionat* di sport ma non riesci ancora a trovare la disciplina giusto per te? Hai mai provato a fare una partita di bocce? Si, esatto! Proprio quel passatempo con cui giocavi giornate intere al mare. A Cortona questo sport ha una base fissa in cui si può praticare anche a livelli agonistici; giusto Alessandro? “Esatto Riccardo: dal 2004, quando un gruppo di appassionati cortonesi hanno convinto l’amministrazione di allora a realizzare l’attuale bocciodromo comunale di Tavarnelle, tuttora sede della Società. Fin da subito i dirigenti si sono prefissati come obiettivo la promozione sociale e sportiva delle bocce, portando questa disciplina nelle scuole e nelle strutture che ospitano persone con disabilità presenti nel territorio.” Alessandro Trenti è l’attuale Presidente dell’associazione che copre la propria attività al bocciodromo: la ASD Cortona Bocce.
La Cortona Bocce è una società aperta a tutti e soprattutto alle categorie più
deboli, costituendo di fatto un presidio sociale. Oltre ad essere iscritta all’Albo dei Centri SportHabile è un Centro Coni ed è riconosciuta dalla Federazione come C.A.B. (Centro Avviamento Bocce) e sono molti i progetti che realizza durante la stagione con la finalità di promuovere lo sport a tutto tondo, grazie a tecnici specializzati e opportunamente formati. Questo percorso è stato affiancato negli anni dalla crescita dell’attività sportiva vera e propria, alzando continuamente il livello su tutti i settori, maschile, femminile e juniores.

Come ha risposto il territorio e cosa ha portato lo sviluppo dell’associazione negli anni?
«La Cortona Bocce è conosciuta a livello locale e nelle attività di aggregazione la popolazione risponde sempre. Fortunatamente si sono consolidate nel tempo anche delle collaborazioni con strutture ricettive, piccole realtà commerciali o aziende che ci aiutano a mantenere in piedi i nostri progetti e organizzare le manifestazioni. Negli anni abbiamo inoltre avuto anche diversi riconoscimenti da parte dell’amministrazione comunale sia in ambito giovanile che per l’impegno sociale. Al momento abbiamo 116 tesserati suddivisi nelle varie categorie femminili e maschili, di cui 14 appartenenti alle categorie giovanili e 25 atleti paraolimpici con disabilità fisica sitting/standing e disabilità intellettivo-relazionale. Il più piccolo dei nostri tesserati ha 6 anni e il più grande 98, a dimostrazione che il gioco delle bocce può essere praticato da chiunque anche se poi il range per l’attività sportiva si riduce molto.»
Come si convincono le nuove generazioni ad approcciarsi a questo sport?
«Oggi i giovani hanno innumerevoli interessi ed è sempre più complicato convincerli a praticare uno sport che non sia tra quelli di grande visibilità; per cui c’è tanto lavoro da fare, ma molto stimolante. Dobbiamo inoltre combattere con i pregiudizi e gli stereotipi che la società ha nei confronti dello sport bocce quindi ogni tesserato junior per noi è una vittoria! Quelli che provano però quasi sempre si divertono e se, anche con l’aiuto delle famiglie, riescono ad appassionarsi, possono puntare a obiettivi che in altri sport probabilmente sono irraggiungibili, come ad esempio militare nella massima categoria o partecipare ad un campionato italiano. Nella nostra piccola realtà organizziamo ogni anno gare a carattere nazionale a cui partecipano i migliori giovani e le migliori giocatrici d’Italia (e anche del mondo) che dicono di trovarsi sempre bene e questo ci rende molto orgogliosi ogni volta. Ci tengo anche a sottolineare che la Cortona Bocce ha rinnovato il proprio Consiglio Direttivo lo scorso settembre e tra le cariche di Giunta c’è perfetta parità di genere tra uomini e donne.»
La squadra maschile militerà per il secondo anno di fila in Serie A2…
«Il progetto è quello di continuare a crescere, come squadra ovviamente, ma anche nelle individualità. La preparazione pro- cede sia dal lato tecnico che mentale, con l’obiettivo minimo della salvezza e il sogno di raggiungere la cima della classifica. Crediamo nei nostri mezzi, per cui ci impegneremo fino alla fine per riconfermarci nuovamente in questa grande serie.»

Via Tavarnelle, Cortona
Tel. 348 516 9063
FB: A.S.D. Cortona Bocce

di RICCARDO BUFFETTI

RICCARDO BUFFETTI

“Ah l’amor che move il sole e l’altre stelle…” Il romanticismo è una delle chiavi della mia scrittura, passione nativa del mio essere. Più avanti si sono aggiunte, ahimè, quelle sportive che ne hanno preso il sopravvento soprattutto su ambito lavorativo. Bilancia ascendente Scorpione di quell’ottobre del ‘93. Scrivo per cercare l’emozione, parlo per raccontarle.

Post Correlati